Remo Marnimi, via del Iasione 13

Ero sul lungarno Corsini all’una di notte di venerdì. C’era una piena impressionante, ma non si pensava che l’Arno desse di fuori. Sono andato in via Uguccione della Faggiola, dove ho un negozio, perché quando piove molto si allaga subito per via delle fogne. Invece era asciutto asciutto. Sono andato a letto tranquillo. Quando mi sono svegliato pioveva ancora, erano le dieci, sono sceso, e il primo amico che ho trovato mi ha detto: ” Reggimi il portafoglio che vado a nuoto a casa” .

Puoi condividere questo articolo:

Mauro Poggiali, via Adriani 14

Davanti a noi, nella casa di fronte, quattro donne al primo piano hanno seguitato per un’ora a correre per le stanze e a battere la testa nel muro, sì, proprio a battere la testa nel muro. Le hanno salvate dal balcone, con una scala calata dal tetto.

Puoi condividere questo articolo:

Bruna Caldelli, piazza Santa Croce

L’acqua m’è rimasta negli occhi. Ho avuto tanta forza da aiutare gli altri a non fargli sentire la mancanza di vita. E avevo il marito all’ospedale. Sono riuscita a non far disperare tutta quella gente che avevo in casa. Ora vanno in collasso piano piano. Ma quello che non dimenticherò mai è quando il portone della chiesa di Santa Croce si è aperto. È stato come se una mano avesse aperto l’uscio e qualcuno avesse detto all’acqua: “Entra”.

Puoi condividere questo articolo:

Gianni Guido, via Villamagna 76

Un uomo camminava sul tetto della casa davanti alla mia per salvare due vecchietti. Avanzava lentamente come un gatto. D’improvviso, un’esplosione: Partono i tegoli come razzi. Ho creduto che l’uomo fosse morto. Passato il fumo, l’ho visto attaccato a una trave, in bilico. Ripreso l’equilibrio è scappato subito indietro. I vecchietti li hanno salvati altri tre.

Puoi condividere questo articolo:

II pittore Umberto Baldaccini

La sera del 3 non ero a Firenze e la sera fra il 4 e il 5 sono andato a dormire in un treno fermo in stazione perché non potevo raggiungere casa mia. Soccorsi se ne sono avuti po¬chi. Passò uno con la macchina che portava le candele. Quanto agli altri li ho ancora da vedere. Sono venuti amici, ma come soccorsi ufficiali, niente. Sono stato un mese a man¬giare salsicce e soprassata. Firenze non è un posto dove si fa un buco in terra e si trova il petrolio. A Firenze si fa un buco in terra e si trova un’opera d’arte.

Puoi condividere questo articolo:

Gina dardeggiarli, piazza Tasso 14

Poco dopo le otto di mattina è arrivata l’acqua, ma noi non pensavamo mica a una cosa del genere. L’acqua ha portato via tutto.

Non ho più materassi, non ho più la camera, non ho più niente. Sono ammalata e mio marito è pensionato. Da una settimana vado a prendere ogni giorno un pacco di viveri e così si tira avanti.

Ma lo sa che l’Arno è in piena di nuovo?

Puoi condividere questo articolo:

Corrado Del Conte, della galleria d’arte « Il Fiore »

A Desenzano, ho saputo la notizia dell’alluvione dalla radio. L’immagine che mi sono fatto è stata quella di Firenze ricoperta da venti centimetri d’acqua. Ho pensato subito ai grandi disegni di Rosai.

Ho detto: * Andremo, appena arrivati in città, in via Giotto “. Ho raggiunto la casa dopo vicissitudini varie. Sono entrato. Cosa posso dire. Ho una certa età. Eravamo sette in famiglia. Siamo rimasti due soli.

Non ho mai pianto. Ma in quell’attimo mi vennero i goccioloni. Quadri fra la mota, disegni staccati, fra la melma e la nafta. Puzzo di morte nelle case, puzzo di carogne. Era buio. Le candele non illuminavano abbastanza.

La mattina successiva mi alzo e raggiungo a piedi la galleria in via della Pergola. La striscia della nafta era un metro e novanta alta più di me. Con difficoltà riuscii ad aprire. In un armadio avevo una cartella con dentro due incisioni di Morandi, tre disegni di Rosai, acquerelli di Treccani, sette tempere di Reggiani. Trovai gli sportelli aperti e tutto il contenuto dentro la mota. La carta era diventata pasta.

Puoi condividere questo articolo:

 Italo Fortunato, mesticheria

Mio fratello è vigile del fuoco e l’hanno chiamato con urgenza alle dieci di giovedì sera (non avrà mica nessun dan¬no, mio fratello, se dico questo?). Alle nove di giovedì ero già a letto perché ero stanco. Mi sono svegliato la mattina presto, alle sei e mezza. In Borgo San Frediano c’era già l’acqua. In casa mia erano tutti calmi. L’acqua era marrone, e si vedevano i pesci. Volendo, si poteva anche fare una pescatina.

 

 

Puoi condividere questo articolo:

Ermenegildo Allegri, via dei Pepi 47

Ho fatto vent’anni di militare; quando m’hanno congedato sono tornato a casa e ho trovato mia moglie a dormire per terra. Ora che è andato di fuori l’Arno, m’è toccato rivedere mia moglie dormire per terra.

Puoi condividere questo articolo: